Vision board – attiva il potere della tua mente

Anzitutto, cosa sono?

Vision board significa "tavola di visione" o lavagna visuale, ovvero un cartellone, un foglio almeno formato A3 che esprime le tue "visioni". I tuoi desideri, i tuoi sogni, le tue aspirazioni, come vorresti essere, cosa vorresti fare, come ti piace sentirti... queste sono le visioni.

Per essere più chiari ecco un esempio: il mio ultimo vision board:



Se stai pensando che ti sembrano soltanto delle foto appiccicate su un cartone... continua a leggere, troverai delle sorprese... ma solo se sei una persona con la mente aperta.

A cosa servono?

Il vision board ha diversi scopi:

  • La creazione di un vision board richiede un po' di tempo (almeno 1-2 ore) permettendoti di avere del tempo per fermarti a riflettere su di te, la tua vita e i tuoi sogni. In una società che va sempre di fretta come la nostra già questo aspetto lo rende interessante.
  • Chiarire le idee su cosa vuoi ottenere nella vita, cosa ti piace, cosa desideri. Inoltre, se lo si fa in modo ponderato, aiuta a capire le priorità per se stessi.
  • Una volta completato sarà anzitutto una coccola, servirà ad ispirarti ogni volta che lo osserverai
  • Inoltre funge da stimolo, da motivatore per raggiungere i tuoi obiettivi e a cambiare (se lo desideri). Può essere davvero il catalizzatore di una nuova vita.

Insomma, è un primo  passo verso il cambiamento, ti fa sentire che hai fatto qualcosa, che non sei più al punto di partenza, ma più vicino ai tuoi desideri. Ma può fare anche molto di più. Continua a leggere per scoprire tutte le potenzialità dei vision board.

Ma funzionano?

Gli atleti utilizzano le tecniche di visualizzazione da molti anni per migliorare le loro prestazioni. È infatti scientificamente provato che gli esercizi mentali consentono loro di aumentare la massa e la forza muscolare. 

Inoltre, gli studi sul cervello rivelano che i pensieri delle azioni producono gli stessi effetti sul cervello delle azioni stesse. Le aree cognitive attivate sono le stesse: controllo motorio, attenzione, percezione e memoria. Sostanzialmente, si allena il cervello a produrre quella performance durante la visualizzazione. E questo offre maggiori probabilità di raggiungere l'obiettivo prestabilito. Si è scoperto che questo tipo di esercizi aiutano la motivazione, la fiducia e l'efficacia.

Non esistono però studi (o almeno non ne ho trovati) studi in doppio cieco sulla loro efficacia. 

Sicuramente vale la pena farne uno, non fosse altro che per il beneficio che si trae nel farlo, per chiarirsi le idee e prendersi un po' di tempo per sé. Ma si può ottenere molto di più.  

E cosa c'entrano con il mangiare sano?

Qualunque consiglio o indicazione su cosa è sano mangiare rischia di trasformarsi in parole al vento se non si è in grado di modificare le proprie abitudini alimentari e il proprio rapporto con il cibo. La motivazione per mangiare sano ovviamente è importante e i vision board permettono di rafforzarla. Si può  includere in una parte del tabellone il cibo, oppure creare un vision board specifico per l'alimentazione. In quest'ultimo caso, consiglio di farne due,  in momenti diversi. Un primo per la propria sfera personale e in seguito uno specifico sull'alimentazione. I vision board tematici sono altrettanto efficaci, nelle aziende vengono spesso fatti quelli concentrati sulla sfera lavorativa. 

Come si fanno

Stai già andando a prendere le forbici e le riviste? Frena lì...

Anche se guardando on line su altri siti tutti ti diranno di fare così ascoltami, è meglio che ti fermi per non rendere questa attività un semplice e inutile collage.

Segui questi 5 passi e crea il tuo vision board efficace.

1) Materiale

La prima cosa che ti serve è il materiale, potresti averlo già in casa oppure ti ci potrebbero volere alcuni giorni per metterlo insieme.


  • Il board vero e proprio: un cartone di recupero può anche andar bene, almeno delle dimensioni di un foglio A3, oppure anche un supporto in sughero. 
  • Forbici, colla stick oppure puntine se lavori con un supporto in sughero. 
  • Riviste dalle quali ritagliare immagini e citazioni o parole. Puoi recuperarne gratis chiedendo vecchie riviste ad amici, dottori, dentisti, parrucchieri, palestre, edicolanti, librerie o anche biblioteche e certi ristoranti. Importante: più le riviste sono variate e non monotematiche meglio è. Per accumularle ti ci potrebbero volere alcuni giorni.
  • Cartoline, foto, deplian che già ti piacciono, che ti ispirano e che ti soffermi a guardare ogni tanto. 
  • Una tua bella foto o un tuo ritratto fatto da te, o anche un figlio / nipote.
  • Opzionale, per chi ama le decorazioni: pennarelli, glitter, adesivi, insomma tutto ciò che ti ispira o ti piace va bene da appendere o incollare sul vision board.


2. Quando fare il vision board - il momentum

La cosa più importante è prendersi il tempo necessario senza distrazioni.

A volte bastano 1,5-o 2 ore, altre volte ne servono  3 o 4, dipende da molte cose (quante riviste hai, quanto tempo ti prendi per scegliere,...). La fretta non è una buona consigliera, l'intuito sì. 

Allora ci sei, hai la tua mattina libera, tutto il materiale è pronto... cosa fare ora?

Spegni la televisione, metti il telefono in modalità silenziosa. Se ti piace puoi mettere su una musica rilassante.

Ora ecco il segreto per produrre un vision board che ti renderà soddisfatta di te stessa: uno stato mentale aperto e rilassato. Lo si può raggiungere in vari modi, io consiglio di meditare per una quindicina di minuti. Se non sei pratico della cosa rilassati, non è difficile. Puoi impostare il timer del telefono così da non chiederti quanto tempo manca ancora.

Poi in silenzio, siediti comodamente, a gambe incrociate (se non sei comoda anche su una sedia va bene) respira profondamente e lentamente per cinque volte.

Immagina il tuo corpo che si rilassa lentamente partendo dai piedi fino alla testa.

In seguito lascia andare la tua mente, fatti portare dove ti piacerebbe stare, sentire le emozioni che ti piacerebbe provare, fare ciò che desideri e ottenere ciò che vuoi.

Se la meditazione non ti ispira o non ha ottenuto i suoi frutti (può accadere se non sei abituata o sei molto stressata) puoi fare delle liste riguardo a ciò che vorresti essere, sentire, fare, avere.

Lo scopo di questo passo è quello di raggiungere uno stato di chiarezza e tranquillità.

dieta e mente

3. Scegliere le immagini

Adesso arriva il bello. Sfoglia le riviste e lasciati andare. Quando trovi qualcosa che cattura la tua attenzione, lascia la rivista aperta su quella pagina (usa dei segnalibri se in una rivista ti colpiscono più immagini). Non porti troppe domande e soprattutto non scegliere quelle che pensi che "dovresti" avere. Se sei un po' bloccata pensa alle varie sfere della tua vita: famiglia, relazioni, lavoro, spiritualità, educazione, salute,... 

Una volta che hai fatto una prima scelta, probabilmente ti renderai conto che sono troppe per il tuo vision board o che sono ripetitive, allora puoi procedere a una seconda scelta. A questo punto puoi iniziare a chiederti perché hai compiuto quelle scelte. Come mai ti attirava proprio quell'immagine? Cosa c'è dietro? Perché è importante? Il significato che si dà alle immagini è abbastanza personale, quindi io potrei scegliere l'immagine di un animale per un motivo (ad esempio rappresenta un viaggio che voglio fare) mentre tu puoi sceglierlo per un altro motivo (ad esempio perché ti ispira tenerezza). Questo processo può richiedere tempo, non avere  fretta, se hai dubbi segui l'intuito.

4. Taglia e incolla

Ritaglia le immagini che ti hanno colpito, poi disponile sul board insieme all'altro materiale che hai raccolto (foto, cartoline, biglietti,...). A me piace raggrupparle per aree tematiche (tipo salute, spiritualità, lavoro, passioni, relazioni,... ) ma se senti che non fa per te, prova a disporle in modo più creativo e libero. Non c'è un solo modo di fare le cose e il modo migliore è quello che più ti si addice. Una tua foto, un tuo ritratto può essere posizionato al centro così da rendere il board più incisivo. 

Successivamente puoi, se ti va, accostare anche parole o frasi che ti ispirano.

Durante questo processo potresti accorgerti di avere troppe immagini ripetitive, o poche per una certa sfera. Il board potrebbe apparirti incompleto oppure troppo pieno. Nel primo caso potresti riprendere in mano le riviste per trovare ciò che manca, nel secondo caso fare una nuova cernita.

 A questo punto puoi incollare tutto sul board e poi se vuoi abbellirlo con glitter e decorazioni di vario tipo. 

Che soddisfazione quando è pronto!

Come si può intuire avevo riviste un po' troppo monotematiche e non disponevo di una mia foto. Comunque ero ispirata e sono rimasta soddisfatta del risultato.

5. Appendilo

Dove metterlo: appendilo in un posto dove puoi vederlo spesso come in cucina, o sul tavolo dell'ufficio. Non tutti sono però a proprio agio nel metterlo in bella mostra, lo posso capire, in questo caso si può metterlo dentro un'anta della cucina, o del tuo armadio o dietro la porta della tua stanza. ​

Ti consiglio di fare una foto del tuo vision board e di salvarlo sul tuo smartphone o sul desktop del computer o tablet. 

Vision board e poi?

Il vision board serve come momento di rilassamento e di riflessione, per fare un po' di chiarezza nella tua vita. Inoltre, guardarlo tutti i giorni servirà ad ispirarti e a motivarti. Sarà una coccola quotidiana. Però sarebbe peccato limitarsi a questo. Infatti, può essere il primo step fondamentale che ti avvicinerà concretamente ai tuoi obiettivi. Devi essere cosciente che è un primo passo, fondamentale e molto utile, e può condurti lontano.

Prossimamente: 

I segreti per fare un vision board efficace che ti avvicina realmente ai tuoi obiettivi e non diventi un semplice collage.

Seguimi: